Siete quiCanale della Battaglia / La via del Cataio / Rete ciclopedonale lungo i canali Battaglia, Bisatto e Vigenzone

Rete ciclopedonale lungo i canali Battaglia, Bisatto e Vigenzone


La Via del Cataio è un sistema attrezzato composto di tre tronchi principali che convergono sul nodo di viario ed idraulico di Battaglia Terme.
La diffusa disponibilità di strade alzaie dismesse lungo i principali canali della Bassa Padovana — i canali Battaglia, Bisatto e Vigenzone — consente percorsi del tutto particolari che seguono i sistemi d’acqua oggetto di storiche regimazioni effettuate da Padovani e Veneziani.
Cortile interno al Castello del CataioLa Via del Cataio recupera la rara continuità di un sistema viario ricco di valori storici ed ambientali.
I canali storici ed i loro manufatti, le città murate, il comprensorio termale (Abano, Montegrotto, Battaglia Terme), lo sfondo collinare euganeo ed il paesaggio della pianura bonificata, caratterizzano i vari circuiti, riuniti in un sistema articolato, alla portata di tutti, per usi turistici, escursionistici, ricreativi, interessante risorsa anche per gli spostamenti locali non motorizzati.
Ciascun tronco corrisponde ad un canale e ne utilizza almeno un’alzaia, dalla quale si diramano circuiti secondari suggeriti dalla disponibilità di argini o strade rurali, e da emergenze paesaggistico-ambientali ed architettoniche. Lo scolo Rialto e gli Euganei presso Battaglia Terme
Seguendo i sistemi d’acqua, creati per la navigazione interna tra Padova, Monselice, Este, Bovolenta e la Laguna, e per la bonifica agraria, si riscoprono ville, giardini, chiese, abbazie, mulini, idrovore, centri rurali, città murate come Este e Monselice, stabilimenti protoindustriali, per entrare infine nel Parco dei Colli Euganei.
I percorsi scorrono in un paesaggio fluviale ben organizzato, caratterizzato da palizzate, roste, mulini, ruote idrauliche, opifici per la tessitura della lana, l’estrazione del sale e impianti molitori, risultato di secolari e continue opere di sistemazione idraulica ed agraria sul territorio.
Risale al 1189 lo scavo, ad opera dei Padovani, del canale Padova-Monselice per collegare il Bacchiglione con il Bisatto e consentire lo sbocco diretto in Laguna. La realizzazione del Canale Battaglia fu un’opera di regolazione idraulica eccezionale che rivoluzionò l’intero sistema di comunicazione fluviale tra Padova e Venezia. Per secoli, sui Canali Battaglia e Bisatto si svolse il trasporto della trachite dei Colli Euganei, necessaria per la pavimentazione delle calli di Venezia e delle strade di Padova. Villa Lispedia
Le stesse vie d’acqua venivano utilizzate per raggiungere comodamente in barca i bagni termali di Montegrotto, mentre nel ‘700 e ‘800 le acque dei canali fornivano energia ai numerosi opifici situati sotto e a valle dei vari scarichi.
 

percorsi ciclabili e navigabili

Newsletter Percorsi Rurali - Provincia di Padova

Il progetto Percorsi Rurali